Il Match

IL CICRAM SI RIPRENDE IL SUO POSTO.

Torna alla vittoria e al comando.

 

Nella giornata che poteva decretare il tracollo della squadra rossoblù, il Cicram si rialza da un periodo amorfo trovando non solo un’importante vittoria ma soprattutto il primo posto appena perso qualche giorno fa. Vittoria che non cancella le difficoltà attuali della squadra ma che da morale e fiducia per la volata finale con tre partite da disputare con un titolo scontato: chi sbaglia paga. Quella con il Bassano era una sfida che si presentava durissima e quasi impossibile da vincere sia perché di fronte vi erano avversari storicamente mai domi e sia per ciò che era successo in settimana dopo polemiche, clamorose decisioni e il sorpasso avvenuto grazie alla lealtà del Caprarola. Ma la bestia era ferita ma non morta. Con una partita come sempre attenta in fase difensiva, al Cicram si chiedeva di osare di più in zona gol, con il ritorno per l’occasione di Di Stefano, per trovare quella vittoria che manca oramai da tre gare, cosa mai accaduta in questo torneo. Il Cicram infatti si presenta in campo con una formazione molto offensiva schierando il trio d’attacco Modanesi-Di Stefano-Olaru, con il centrocampo Carletti-Aramini-Ribelli molto tecnico ma anche molto dispendioso dal punto di vista atletico, mentre presenta la classica difesa, con il ritorno di Moretti sulla fascia destra e di Ianicali al centro. Molte volte avere tanti attaccanti non è sinonimo di gol; infatti è quello che accade il 1° tempo quando, come succede da un mese a questa parte, la squadra perde di lucidità negli ultimi 25 metri non trovando il gol anche creando buone azioni. Se si analizzano le ultime 4 partite con 3 gol fatti e 2 subiti, è evidente la difficoltà che ha la squadra nel finalizzare le azioni ma che di contro raramente subisce tiri in porta. Anche l’A.Falisco in queste ultime prove ha dimostrato sicuramente una solidità di squadra tra i reparti ma alcune difficoltà nel realizzare reti. Questo a dimostrare che nel finale di stagione, quando gambe e idee iniziano a mancare, la differenza è data dalla voglia di vincere che alla lunga premia il più forte e il più meritevole. Infatti nel 2° tempo il Cicram entra in campo con questa voglia di vincere che nelle precedenti partite non si era più vista tranne che in qualche finale concitato. Pronti via il Cicram trova il vantaggio grazie ad un calcio di rigore sacrosanto causato da un fallo di mano del centrale bassanese con un direttore di gara attento e vicinissimo all’azione. Secondo rigore stagionale concesso al Cicram. Dal dischetto il capitano Aramini, con la sua classica flemma imperiale, spiazza il portiere insaccando alla sua sinistra. Il Cicram da l’impressione di dilagare con azioni da sinistra a destra grazie alla velocità di Olaru e Modanesi e la presenza imponente di Di Stefano in posizione centrale. Dopo qualche minuto al Cicram viene negato un rigore ancora più netto del precedente con un bella parata a centro area del difensore del Bassano, ma l’arbitro non se la sente di concedere un nuovo penalty e fa proseguire. Il Bassano che gioca non per la classifica ma per la lealtà e la sportività che sempre lo ha contraddistinto, non ci sta e inizia a buttarsi in avanti cercando il pareggio. Il Cicram arretra il baricentro a difesa del gol realizzato che vuol dire vittoria, togliendo nel finale gli attaccanti inserendo forze fresche. Il Cicram non sfrutta gli enormi spazi concessi in contropiede, soffre fino alla fine ma riesce a strappare un’importantissima vittoria che lo riproietta al primo posto grazie al pareggio dell’A.Falisco che non va oltre lo 0-0 contro il Capranica.

Giustizia è fatta direbbe qualcuno. Il Cicram che si è visto scavalcato in classifica dalla vittoria a tavolino dell’A.Falisco sul Caprarola, ritrova il posto che si è meritato dopo sofferte partite giocate al 100% da ogni avversario affrontato. A tre gare dal termine, che non hanno bisogno di presentazioni, non è più ammesso sbagliare chiedendo a tutti un ulteriore sforzo altrimenti ci ricorderemo di un bel campionato disputato e basta. Noi vogliamo il sogno!

Complimenti al Bassano Romano che ha disputato un’eccellente partita mettendo impegno e cuore a poche ore dai festeggiamenti del loro ventennale.

Il Matchultima modifica: 2009-03-30T11:14:11+02:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

6 pensieri su “Il Match

Lascia un commento