L’Intervista…

Mister Capaldi.jpg

L’INTERVISTA A MISTER CAPALDI

Cercato da tutte le TV e dai giornali, invitato in tutte le trasmissioni, uno dei pochi allenatori a non far parte di “0 titoli”, ci concede una bella intervista facendo trapelare indiscrezioni per il suo futuro.

Lo avevamo lasciato zuppo negli spogliatoi finito sotto la doccia vestito con i suoi ragazzi festanti. Lo avevamo lasciato con l’ennesima sigaretta accesa in bocca e l’altra tra le dite quando la squadra faticava a fare gol. Oggi lo troviamo rilassato, contento, anche se non fa trapelare la sua felicità per questo trionfo, ci risponde a 360° sul campionato, sui momenti felici e difficili e sul suo futuro.

1)    Cosa prova ad aver vinto il campionato sapendo di essere l’unico a Ronciglione  in questa categoria?

Non ho vinto io, ha vinto il CICRAM, hanno vinto i ragazzi che hanno dato l’anima in campo, che hanno riso, pianto, che si sono sacrificati attendendo in panchina un turno che spesso non arrivava, che non hanno mancato un allenamento anche con la pioggia a dirotto, che hanno comunicato con un blog nel quale io sono intervenuto molto poco ma che diventava un po’ il mio mondo ogni sera quando ridevo alle polemiche di Camedda e cercavo di capire, senza riuscirci, cosa volesse dire Palestra a parte “vojo giocaaaaaaaaaaà!”!

2)    Quando ha avuto la percezione che la squadra potesse arrivare ad un traguardo simile?

Non ricordo di preciso quale partita fosse, se la quarta o la quinta del campionato, giocavamo a Viterbo contro la SEVAS, una squadra che avrebbe impensierito chiunque e invece noi siamo entrati fieri, sicuri, desiderosi di vincere, è lì che ho capito che la squadra era speciale!

3)    Il momento più bello di questa stagione.

Ogni sorriso ricevuto da chi ha potuto entrare in campo anche solo 10 minuti!!!

4)    Il momento più brutto.

La partita contro il Sassacci, ho creduto di aver perso credibilità per molti ragazzi della squadra, conoscevo un malcontento non chiaramente espresso che già partiva dalla partita con il Falisco e ho visto per la prima volta la squadra non compatta. E’ lì che ho messo in discussione il mio ruolo!

5)    Chi, tra giocatori e dirigenti, è stato fondamentale per la conquista del titolo?

Tutti, dal primo all’ultimo, voglio però fare un nome su tutti, il nome di un calciatore ma soprattutto di una persona speciale: “Maurizio” e non perché ha salvato il campionato, ma per la testa, il cuore, la grinta che ha portato in campo sempre dalla prima all’ultima partita, riuscendo a dare compattezza alla squadra!

6)  Quale sarà il ricordo indelebile di questa trionfale annata?
Le lacrime di disperazione che si sono trasformate in lacrime di gioia nella partita contro il San Faustino, le mie sono rimaste dentro, invisibili ma incontrare i volti dei ragazzi zuppi di emozioni è stato incredibile!

7)  Mister Capaldi, cosa farà il prossimo anno?

Sogno di diventare papà, per il resto si vedrà!!!!!!!!!!!!!!!!!!

L’Intervista…ultima modifica: 2009-04-29T18:04:25+02:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

15 pensieri su “L’Intervista…

  1. io mi sono scontrato spesso sul concetto di calcio e di gruppo con il mister.al di là del fatto che abbiamo una visione diversa va sicuramente sottolineata la sua passione il suo attaccamento e il suo lavoro per la squadra.grazie mister

  2. Vado con la polemica?

    Vado.

    Sono state fatte critiche al mister(abbastanza condivisibili),per il fatto che qualche volta ha tardato le sostituzioni.

    Ma nella mitica partita contro il San Faustino sono stati fatti 2 cambi,uno a 20′ dalla fine e uno all’ultimo minuto e non per colpa sua.
    Il fatto è che quando tutto va bene nessuno parla,mentre quando le cose vanno male le pecore belano.
    Visto il mio mestiere….mi lamento soprattutto quando le cose vanno bene e soprattutto prima che vadano male.

    Grazie Gigi.

    Aperto e chiuso.

    Sono andato a trovare il povero Andrea,ma non ho avuto che un minuto per parlarci.

    L’effetto che fa è dei peggiori visto che poverino non si puo’ muovere e stà in mezzo al corridoio.

    Gli auguro una pronta guarigione.

  3. ame midispiace molto per andrea e spero ke si rimette subito xke e un portierone e poi perche le voglio bene ansi perche le vogliamo tutti bene pero lunica cosa nn posso entrare nei ospedali mi fanno un brutto effetto di svenimento so svenuto 3 volte in ospedale sempre x andare a trovare xsone quindi le faccio un grande in bocca lupo per la guarigione forza andre siamo tutti cn te

  4. penso che Gigi, Diego, Brandelli sono il nocciolo della squadra e tutto è dovuto al loro, poi ci siamo tutti noi con un gruppo stupendo, giuste le polemiche (quando servono, se le cose vanno bene non capisco a che serve polemizzare). Grazie a Gigi che tiene molto a noi soprattutto durante le cene, quando se magna tutto e ci permette di andare in campo senza problemi di digestione.

    Grande!!!!!!!!!!!!!

    p.s. quello è l’unico sogno in cui è bello continuare a provare finchè non si realizza………..perciò…….un abbraccione 😉

Lascia un commento