MODANESI VS. IEZZI

MODANESI VS. IEZZIultima modifica: 2009-12-22T13:41:08+01:00da riccardome
Reposta per primo quest’articolo

20 pensieri su “MODANESI VS. IEZZI

  1. Aaaa, meno male in questi tre giorni dopo l’arrabbiatura del dopo gara, mi sono e mi sto divertendo. Ringrazio cicciobello rock dei 2 panettoni ma sono stati un po indigesti, vedro di ricambiare il gesto con due o più colombe dello stesso sapore. Ringrazio Marcello degli auguri di Natale e ricambio con affeto, ma al ritorno ti faccio fare la fine dell’abbacchio.
    Saluti e Buon Natale … a dimenticavo sto preparando la contro analisi alla gara. Altro che Baldini e co…. ma in fondo è Natale e sono un po buono (forse).

  2. stasera siamo in trentacinque,festeggiamo il santo natale,lo scudetto 2008-2009,il primo posto provvisorio…manca solo lui…ma va bene ugualmente x tonino guarda che il trio modanesi-di stefano-olaru so come maradona-platini-van basten vedi un po te……ciaooooooooo auguriiiiiiiiiiii al capra’ e a tutti quanti.

  3. Sto già approntando la difesa con Gentile, Cabrini, Bergomi e ci metto pure Nela, giusto per dare a tutto il tuo bel reparto offensivo una bella sistemata.
    Per adesso e provvisoriamente un bel salutone a tutti con l’augurio di trascorrere un bellissimo Natale e un felicissimo 2010.

  4. ahahahahah, a Diego sei proprio il peggio…. mi è arrivato il tuo bellissimo messaggio che hai mandato pure alla cupola ….. tanto la squalifica te la devi fare lo stesso….. ahahhahah.
    Senti poi ti do una dritta a livello tecnico, quando rispondi/inoltri un messaggio cancella il contenuto del precedente … hai spedito pure il comunicato n. 11, semmai manda il comunicato n. 12 che non ce l’ha nessuno.
    Saluti.

  5. a toni’ non cè il comunicato n 12,poi quest’anno mi sento l’animo buono e ho fatto gli auguri a tutte le squadre,un anno nero a livello lavorativo come questo me lo ricordero’x tutta la vita a parte gli scherzi penso che abbiamo bisogno di una svolta sociale ed economica,con il mio lavoro conosco migliaia di persone ed aziende e ti assicuro che stanno tutte in ginocchio,allora un messaggio di speranza allevia il dolore e le madonne….

  6. a… x quanto riguarda la squalifica me la tengo da fuori posso di e fare quello che mi pare in 2 anni ho accumulato 1 anno di squalifica penso di aver battuto ogni record,ma le mie battaglie le faro’ sempre quando vedo e sento qualcosa che non va è il mio stile espormi sempre per la mia societa’ di prima persona.

  7. Sabato scorso 19 dicembre gli Amatori Capranica hanno ospitato sul proprio terreno di gioco la seconda in classifica, il Cicram. L’attesa era carica di buoni propositi e grande voglia di fare bene, perché si sa il Capranica può perdere con l’ultima in classifica, ma quando incontra le prime della classe si esalta e non poco. Le assenze numerose non hanno consentito di approntare una formazione con i fiocchi ed al limite dell’eccellenza. Le assenze delle punte Puccica Gianmarco e Onofri hanno costretto il mister a gettare nella mischia Barone che destinato alla panchina viene impiegato dal primo minuto. Le ulteriori assenze a centrocampo di Celsi, Giuffrida, Russo e Massidda costringono il mister a togliere gli scarpini dal chiodo e con i menischi ormai disintegrati ad indossare la casacca per cercare insieme a Garanfa di tamponare i buchi del reparto. Il Cicram non è da meno e tra le sue fila si notano assenze molto importanti.
    A dirigire un incontro che sulla carta era ed è stato tranquillo, il Signor Arbitro Stentella, che con la squadra di casa non ha un bel feeling, coadiuvato a bordo della sua autovettura, fuori dal campo, dal Signor Cilli.
    La gara inizia con il piede giusto per la squadra di casa, infatti il n. 7 Arbau sulla fascia destra approfitta della sua velocità per liberarsi degli avversari, entrare in area e tirare un fendente che esce fuori di poco alla sinistra del portiere ronciglionese Nocera. Il Capranica insiste e il ritrovato Baldinelli mette scompiglio nella difesa ballerina del Ronciglione. Grazie al buon lavoro del rientrato Barone, Baldinelli riceve palla fuori area e lascia partire un bolide che finisce fuori a pochi centimetri dal palo di destra con l’estremo difensore Nocera in ritardo. Ancora Baldinelli, sempre in posizione centrale riceve palla, si gira e tira di nuovo, palla ancora fuori ma di poco. Si vede che il piede deve essere registrato. Ancora Baldinelli, stavolta sulla destra, conquista palla ed appena entrato in area lascia partire un diagonale che finisce ancora di poco fuori sulla destra del portiere. Il Cicram cerca di reagire ma la sua fascia destra e inattiva mentre a sinistra Camedda è l’unico che si da fare, ma è spesso costretto a ripiegare perché i furetti Puccica e Arbau sono veramente imprendibili. Nonostante le difficoltà Camedda tiene alta l’avanguardia del Cicram e conquista un calcio di punizione che consente a Di Stefano di battere un bel calcio di punizione con il pallone che si stampa sulla traversa. Lo stesso Di Stefano è l’unico a dare vitalità al reparto avanzato, questo perché al bomber Modanesi viene riservato un trattamento particolare e di riguardo dalla coppia Iezzi-Ponzianelli che non gli consente di esprimere tutto il suo talento. E’ sempre Di Stefano che conquistando palla al limite dell’area, entra, ma con il portiere a terra tira frettolosamente e la palla scivola sul fondo.
    Al 25’ il buon Baldinelli conquista palla sulla destra, si libera di un’avversario ed entra in area, con la palla sul suo piede, davanti a Nocera, carica il destro ma viene contrastato fallosamente da due difensori avversari. Rigore !!. No, si continua, e soprattutto non si protesta. I menischi del mister Bordino sono provati dal campo difficile e pesante e dopo aver partecipato ad un’azione di contropiede fermata per un fuorigioco inesistente, è costretto a lasciare il campo per Perelli.
    Il bomber Modanesi, poco servito e ben controllato da buon attaccante capisce che a sinistra e per vie centrali non potrà mai sfondare. Si sposta quindi a destra dove Crocicchia ha ancora il cuscino stampato sulla faccia e consente al buon Marcello di conquistare palla, difenderla, avviarsi in area dove al limite, ma proprio al limite, viene atterrato da Ponzianelli. Il capitano del Cicram batte il rigore con molta calma, forse troppa, il portiere intuisce l’angolo (alla sua sinistra), ma nonostante il tiro lumaca la palla è ben angolata e si insacca (nota a margine in risposta a Camedda. Lo scrivente chiede a gran voce se il fallo fosse da rigore e alla risposta affermativa del Signor Arbitro Stentella prende il pallone e lo scaglia lontano, meritavo l’ammonizione come dice Alessandro, sicuramente).
    Il secondo tempo inizia in sordina per entrambe le formazioni, il freddo si fa sentire e le giunture ne risentono. La voglia di recuperare lo svantaggio sbilancia la formazione casalinga in avanti ed è su un bel cross di Puccica che Barone stoppa di petto ed al volo fa partire una bolide dal limite dell’area che Nocera, con l’aiuto della provvidenza, respinge miracolosamente. Ancora Barone da grande lottatore riceve palla all’interno dell’area ma viene contrastato da un difensore che lo colpisce e finisce a terra. Rigore!! No, non credo, e nessuno protesta. (nota a margine in risposta a Baldini. Il colpo ricevuto dal mio giocatore lo hanno sentito tutti perfino il duo Di Stefano – Modanesi, con i quali mi sono intrattenuto a commentare l’intervento, forse troppo per chiedere il penalty, ma eccessivo per dare la simulazione ed il cartellino che viene sventolato anche su timida richiesta di qualcuno che su ogni intervento del Direttore di Gara gli sta sempre appiccicato per dargli consigli, dritte, indicazioni ecc…).
    Lo sbilanciamento consente a Modanesi di muoversi con molta agilità e recuperare quanto non fatto nel corso della prima frazione. Si segnalano almeno tre belle discese sulla fascia che però vengono mal sfruttate dai suoi compagni.
    Su una palla recuperata a centrocampo e lanciata verso gli attaccanti ronciglionesi, il Signor Arbitro vede (solo lui) e segnala un dubbio fuorigioco. Si continua e su un contropiede dopo un calcio d’angolo per la formazione di casa, la palla viene consegnata a Di Stefano che protegge, scivola su un doppio intervento difensivo di Iezzi-Crocicchia e su un mezzo rimpallo riesce a lanciare verso la porta una palla beffarda che si insacca poco sotto al sette sulla sinistra di Ruggeri. La partita è virtualmente finita, forse. No, non è cosi. Barone indomito, spostatosi sulla destra, conquista palla, entra in velocità in area, ma viene atterrato da un dubbio e rude interveto del difensore Baldini. Rigore!! No. Si continua e si protesta timidamente. (nota a margine in risposta al buon Baldini/Camedda …. il fallo poteva essere evitato per sgombrare ogni eventuale alibi alla formazione di casa. E’ stato un fallo duro, tant’è che il giocatore è uscito, sostituito da un giocatore che contrariamente a quanto affermato da Di Mattia doveva sostituirne un altro … e per fortuna che il cambio non c’è stato altrimenti il Capranica giocava l’ultima frazione di 2 tempo in 10. Inoltre il sottoscritto ha gridato a gran voce il secondo giallo per Baldini e quindi l’espulsione perché ci stava. Quindi se tale richiesta è antisportiva lo accetto ma è antisportiva tanto quanto l’antisportività di taluni che bisbigliano con l’arbitro e chiedono i cartellini per gli atri e soprattutto per quelli che si reputano, falsamente, essere dei simulatori. Chi di spada ferisce di spada perisce o meglio deve perire visto che il Signor Arbitro è stato di diverso avviso).
    Sul finale una bella accelerazione di Modanesi che dalla sinistra passa la palla al centro per il n. 21 Clementi appena entrato, che da solo, con il portiere a terra spara un pallonetto che finisce sopra la traversa.
    Per la cronaca il Commissario di Campo abbandona il campo dopo la seconda rete del Cicram. (nota a margine in risposta a Camedda. Lo scrivente non hai mai e poi mai detto, scritto e pensato che ci sia qualcuno che spinge la barchetta del Cicram verso l’alta classifica, ma di converso ho detto, scritto e penso che c’è qualcuno che sta, con arbitraggi molto e dico molto discutibili, affondando la mia piccola rattoppata zattera).

    Visto che siamo ormai alle porte del Natale e voglio essere gentile vorrei spendere qualche bella parola per l’Atletico Viterbo. Infatti leggo sul blog che i cari colleghi viterbesi nel commentare la gara pareggiata ingiustamente in quel di Bassano Romano, augurano un “Buon Natale a tutti anche a quelli che ne parlano male” ….. ma non è possibile, grazie, io sono uno di quelli… grazie, grazie tante. Peccato che c’è un dato di fatto, e mi spiego. Ho letto sul blog del Falisco delle vicende che hanno segnato la gara ed hanno permesso all’Atletico Viterbo di pareggiare una partita praticamente persa, che la vedeva sotto di 2 reti contro il Falisco. Leggendo il commento mi è sembrato di rivedere il pareggio tra At Viterbo e Capranica per 3 a 3, dove la formazione Viterbese sotto per 2 a 0 rimontava le due reti di svantaggio con un rigore benevolo ed un po dubbio. Il Capranica indomito segnava il 3 a 2, ma poi guarda un po un fuorigioco netto e non fischiato consentiva ai viterbesi di pareggiare a qualche minuto dalla fine. I fuori giochi non fischiati che hanno consentito all’Atletico Falisco di vincere le gare ormai non li contano più. Perciò caro Pellegrini, Capitano dell’Atletico Viterbo, se vuoi che gli altri non parlino male della tua squadra incomincia, anzi incominciate a vincere le gare con quello di buono fai e fate in campo e non con i soliti aiutini che ti vengono e vi vengono elargiti. Incominciate a camminare da soli e vedrete che sarete amati per quello che siete e fate.
    Un saluto e Buon Natale “sentito” da Iezzi Antonio uno dei tanti amatori che gioca nel Capranica.
    Pubblicato da leonida a 02.19 0 commenti

  8. Ok scusa per aver pensato male sull’uomo ombra,avevo frainteso.
    Tanto per chiarire,l’uomo ombra era presente anche lo scorso anno nell’incredibile partita contro il San Faustino,partita dove l’arbitro e di conseguenza il mio caro pre fecero l’inerarrabile.
    Io non metto bocca su quanto accaduto nel secondo tempo in quanto non c’ero,ma visto quanto da te raccontato a proposito del primo tempo(a cui ho assistito),prendo la tua cronaca del secondo tempo con il beneficio del dubbio.
    P.S. Io ho sempre fatto il tifo per il coyote…e mo?

  9. Nel leggere il commento capranichese alla fin fine il CICRAM viene di fatto paragonato alla mia Juve della Triade. Forte, fortissima, gli arbitri a favore insieme a tutto il palazzo (a dire del resto dell’italia che chiaramente non vinceva mai). Sto godendo per tale poragone.
    Quando si è forti, anzi fortissimi, tutti ti odiano e tutti vedono la mano dell’uomo oscuro.
    Grande CICRAM continua così perchè vuol dire che sei sulla strada giusta.

Lascia un commento