Il Match

 

MODANESI-NOCERA,LO SHOW CONTINUA.

Grazie a due reti incredibili del bomber e ad una parata stratosferica del portierone, viene espugnato Vignanello per 0-2!

Nelle partite difficili, quando la tua squadra soffre perchè di fronte ha una bella squadra che corre e ha entusiasmo, quando ti accorgi che un pareggio va più che bene, ecco quello che ti possono combinare due fuoriclasse della categoria. Il primo, il bomber Modanesi, che al 60’ estrae dal cilindro una magia portando in vantaggio il CICRAM con una rete fuori dal comune, di quelle che si vedono e rivedono in TV, quei gol che ti lasciano a bocca aperta. Il secondo, il portierone Nocera, a 5 minuti dal termine, tira fuori dall’incrocio dei pali una punizione che era già dentro, con la conseguente ribattuta aerea dell’attaccante avversario dove si opponeva quasi fosse rimasto sospeso in aria. Nel calcio, quando hai due giocatori di questo calibro, alla fine ti fanno la differenza, facendo spostare l’ago della bilancia dalla propria parte. Poi viene tutto il resto; un buona partita di tutti malgrado un primo tempo sottotono, una difesa imperforabile, un centrocampo che annaspa ma che riesce a far fronte alle pesanti assenze di Aramini e Bianchini, e un attacco incredibile. L’Asd CICRAM rimane saldamente al comando di questo equilibrato girone, anellando la 4^ vittoria consecutiva, 3 delle quali avvenute in trasferta, mandando seri segnali alle inseguitrici che nella giornata odierna dovranno immediatamente rispondere alla prima della classe, come già ha fatto l’A.Falisco, vittorioso contro il Sassacci.

1° Tempo: primi minuti di studio da parte delle due squadre senza grandi sussulti. Il Vignanello che delle fasce fa la sua arma vincente, prova di continuo a sfondare prima a destra e poi a  sinistra, ma mai arriva seriamente vicino alla porta. Il CICRAM prima con una punizione di Samà deviata alta dal portiere avversario e poi da un calcio d’angolo potrebbe passare con Olaru che da posizione favorevole mette fuori. La partita inizia ad avere capovolgimenti di fronte perché il Vignanello corre e anche molto, ma il CICRAM  non riesce a trovare quello spiraglio giusto per mandare in porta Modanesi e Olaru, perdendo palla sulla trequarti avversaria. Alla mezz’ora dal limite, il Vignanello cerca il tiro del vantaggio ma la palla sorvola di poco la traversa. Al 35’ da una splendida azione iniziata da sinistra da Samà-Ribelli per l’accorrente Federici sulla destra che invece di provare la botta dal limite serve uno smarcato Modanesi in area all’altezza del dischetto, ma il controllo è da rivedere. Non sembra giornata per il bomber, ma a lui serve un po’ di riscaldamento.

2° Tempo: il Vignanello si presenta più sbarazzino cercando di piegare l’equilibrio in campo, ma perde un po’ di velocità e di corsa, cosa che invece il CICRAM inizia a prendere metri cercando di trovare i varchi giusti. Al 10’ prove generali per Modanesi che con una finta a seguire lascia di stucco il proprio marcatore sui 40 metri, si dribbla prima uno poi un altro, ma non riesce a concludere e il trio si perde tra le gambe avversarie. Il Vignanello con delle ripartenze prova a fare qualcosa di buono ma la difesa rossoblù passata a 4 con l’innesto di Mengoni al posto di un esausto Samà, ha sempre la meglio. Al 15’ antologia del calcio: Modanesi riceve palla sulla sinistra, va verso il fondo con due avversari alle costole, con una veronica in 30 cm elude la marcature dei due mastini, entra in area finta il tiro, avanza ancora fino al limite dell’area piccola e fa scoccare un tiro a rientrare sul palo lontano battendo l’estremo difensore del Vignanello. 0-1! Tutti in piedi, un gol fantastico, un gol di un’altra categoria. Realizzare una rete del genere non è da tutti anche in questi campionati che sembrerebbero più facili ma non è così. Chi fa queste cose le fa a tutti i livelli e Modanesi Marcello è di un altro pianeta. A questo punto il Vignanello prova il tutto per tutto giocando con 4 punte e mettendo più volte in difficoltà il CICRAM dai calci d’angolo dove una difesa rocciosa capitana dalla lastricata capigliatura di Di Mattia ha sempre la meglio sui furetti avversari. Al 35’ il Vignanello rimedia sul lato destro dell’area ronciglionese una punizione interessante anche se molto angolata. Sulla battuta va il nuovo entrato che con un sinistro a giro mette la palla all’incrocio dei pali. Gol? No, no, Nocera dice NO! Vola all’incrocio cacciando fuori il pallone quasi entrato, la palla rimane a mezza altezza, un attaccante di testa prova la ribattuta, ma di nuovo Nocera dice no e poi ci pensa Di Mattia a sbrogliare la matassa. Paura scampata ma ancora non è finita. Il direttore di gara dice che ancora c’è tempo per il fischio finale e il Vignanello prova l’assedio con continui traversoni dalla trequarti. Da uno di questi arriva un palla al limite non agganciata da Di Mattia, alle sue spalle Baldini stoppa il pallone di petto ma la palla scivola anche sul braccio. Il Vignanello reclama rigore, ma l’arbitro fa proseguire. Forse si, forse no. La palla stoppata con il petto e poi finito sul braccio, per la precisione con il bicipide, attaccato al corpo. Solito discorso della volontarietà e anche da rivedere se Baldini fosse dentro l’area o fuori. Comunque giuste le proteste del Vignanello, anche se molto moderate. Allo scadere quando tutti si aspettano il fischio finale, Modanesi non contento, parte in contropiede, salta un avversario e dal limite fa partire un bolide che sbatte sulla traversa-riga-traversa per poi finire in rete decretando lo 0-2 finale.

Quando hai una squadra forte e tra questi hai dei fuoriclasse, nel corso di un campionato poi questi di danno quel qualcosa in più che ti permettono di rialzarti quando le cose sembrano andare così così. Modanesi, cosa dire, dieci gol in campionato, gol fantastici, ma anche molti non realizzati soprattutto nella prima parte di stagione quando problemi muscolari e pubalgia lo affliggono. Una furia della natura, una bestia inferocita che quando capisce il momento giusto, colpisce con un colpo letale le difese avversarie. E’ il primo ad arrivare e l’ultimo ad andarsene. Non snobba nessuno anzi è lui che si mette in coda agli altri. Un Esempio! Nocera, per noi una grande sorpresa perché sapevamo della sua bravura ma non della sua grande continuità. Con un intervento a partita, vedi la trasferta con la Sevas o domenica scorsa a vetralla sullo 0-1 e di oggi sullo 0-1, ha permesso al CICRAM di portare a casa punti pesanti. Il suo intervento è alla pari con una rete realizzata. Lui ti da quella sicurezza che ogni difesa vorrebbe, non perde mai la calma, non si esalta e non si deprime. E’ un numero 1 a tutti gli effetti e meno male che gioca nel CICRAM. Si va avanti, il CICRAM inizia il girone di ritorno da dove aveva lasciato legittimando il primato. Domenica prossima si ritorna fra le mura amiche e sarà di nuovo battaglia contro un Deportivo Masticoni che ha fatto sempre soffrire la compagine rossoblù. Una giornata fantastica dedicata, permettetemi, al piccolo  Lorenzo, figlio del Mister e della nostra grande tifosa Alessandra. La famiglia CICRAM avanza. Il futuro è NOSTRO!

 

 

Il Matchultima modifica: 2010-01-17T10:18:14+01:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

17 pensieri su “Il Match

  1. La palla a Federici nel primo tempo,gliel’ha data Camedda che ha recuperato un rinvio avversario….(tanto per precisare).
    Capita sempre piu’ spesso che il bomber sbagli il facile…per fare l’impossibile.
    A proposito,il secondo goal del bomberone è nato da una palla recuperata da Camedda a centrocampo.

  2. Scusate i miei amici,ma quest’anno è la prima volta che partecipo alle azioni dei goal.
    Ha ragione Renato,l’azione di Federici è nata da una palla spazzata dal loro difensore dx(nostra sx) che io ho stoppato di petto e allargato all’accorrente Federici che non è stato egoista e invece di fare la cosa piu’ facile(tirare dal limite)ha fatto un ottimo assist(per me è impossibile condannare l’altruismo).

  3. Renato stavolta sei stato poco campanilistico…a metà secondo tempo c’era un netto rigore non ricordo se su Laka o su Lionel che stava convergendo verso la porta e si è preso uno spintone clamoroso.L’arbitro era vicino a me e purtroppo era coperto….non da me.
    Grazie Fabio.

    Comunque io sono sicuramente il piu’ polemico,ma in campo mi diverto con i compagni di squadra e qualche volta anche con gli avversari.
    Purtroppo ho la presunzione di pensare di fare sempre il meglio per la squadra(ma spesso mi sbaglio)e per questo devo chiedere scusa a Flavio quando ieri gli ho detto che era stato giustamente ammonito.In realtà pensavo che se non l’avessi fatto avrebbe continuato con le sue proteste e magari si sarebbe beccato un rosso.

  4. mi giungono notizie che il bassano ha perso a vetralla,se si giornata molto positiva x noi,facciamone tesoro,comunque aspetto la conferma ufficiale…camedda sei insuperabile ed insostituibile in tutto anche a verniciare…..ahhaahahahahahahahah moro da rideeeeeeeeeeee

  5. Vi ricordo che domani, lunedì ore 19,00, gli irriducibili del Cicram, ovvero Marcello, Riccardo, renato, Flavio, Fabio F., sfidono a calcetto( sul sintetico del campo sportivo per capirci) altri 5 che ne hanno la forza e il coraggio. Chi fosse interessato alle 18,45 al campo per una sfida infinita (termine previsto ore 23)….
    PS: anche in caso di pioggia battente.

Lascia un commento