Il Match

I GLADIATORI ESPUGNANO GRADOLI.

Battuta la capolista 0-2 con reti di Scoppa e Olaru.

 

Formazione Cicram: Modanesi, D’Ambrosio, Baldini (70’ Mengoni), Aramini, Di Mattia, Marcucci, Pacelli, Lacatus (80’Federici), Olaru, Mattei(Cercola 65’), Scoppa (80’ Del Toso). 

 

Alla vigilia sembrava già tutto scritto, già tutto scontato; la Real Gradolese a punteggio pieno con 5 vittorie su 5, la CICRAM Ronciglione con 7 punti dei quali nessuno fatto in trasferta. Chi avrebbe puntato qualcosa sulla vittoria esterna della compagine rossoblù? Nessuno, no forse qualcuno si, qualcuno che naviga da anni in questi tornei, qualcuno che veste questa maglia ed è fiero di indossarla, speriamo ancora per molto. C’era qualcosa di diverso questa volta, anche se rimaneggiati, però lo spirito era quello positivo, la settimana era stata gestita in modo esemplare e la preparazione alla partita fatta in modo giusto e preciso. Andiamo a Gradoli a giocarcela perché nessuno parte sconfitto. Inizia la partita loro sono bravi e i sentono forti. I Misters schierano una formazione robusta a centrocampo con un 4-5-1 con Olaru unica punta e il nostro 4’ portiere Modanesi al debutto in questo ruolo. La Real Gradolese parte forte e da un calcio di punizione colpisce la traversa con ribattuta del nr.10 calciata fuori. L’ottimo Modanesi devia oltre la traversa un bolide centrale e subito dopo smanaccia in area un pallone destinato sulla testa del nr. 8. La CICRAM si fa schiacciare su di un campo melmoso al limite della praticabilità ma dopo i primi 15 minuti iniziali i ronciglionesi iniziano a mettere fuori il naso, Aramini e Lacatus prendono le redini del centrocampo e Mattei sulla sinistra e Scoppa sulla destra cercano gli inserimenti per Olaru che da solo tiene in apprensione il forte reparto difensivo locale. La partita diventa più equilibrata alla mezz’ora, il fango crea svarioni difensivi e da uno di questi Olaru può portare in vantaggio la CICRAM se non fosse per un difensore locale che sulla riga salva negando il gol già fatto. La Real Gradolese inizia ad avere più timore o forse più rispetto di questi ragazzotti rossoblù e non riesce a creare niente di importante grazie anche all’ottima coppia centrale Di Mattia-Marcucci che fermano tutto e tutti. Sulle fasce è dura, D’ambrosio e Baldini hanno il loro ben da fare rispettivamente con il nr.8 e il capitano nr. 7 ma riescono sempre ad arginare ripartendo con delle contro offensive che vede in Pacelli sempre lesto a recuperare palle a centrocampo e a proporsi in avanti anche con tiri da lontano. Si va al riposo sullo 0-0. Memori della trasferta di Proceno, sia Mister Capaldi e sia Mister Ribelli chiedono concentrazione immediata ad inizio ripresa, per non farsi sorprendere perché la partita ora è in mano della CICRAM. Detto fatto si riparte e la Real Gradolese sembra meno brillante dell’inizio gara e la CICRAM fa delle ripartenze la sua arma migliore con verticalizzazioni per Olaru che con la velocità di un centometrista va su ogni avversario e solo le pozzanghere lo fermano in più di un’occasione quando avrebbe avuto campo aperto per andare in porta. Al 60’ da una rapida azione di rimessa viene servito Scoppa sulla destra il quale va sul fondo e fa partire un tiro-cross che si insacca sul palo lontano dell’estremo difensore locale. L’urlo del gol si sente anche a Ronciglione, la gioia è immensa, la Real Gradolese non crede ai suoi occhi. E invece si. E’ CICRAM vero questo, che lotta su ogni palla, riparte velocemente cercando sempre di offendere e mai solo difendersi. Al 65’ la CICRAM sostituisce Mattei con Cercola per dare forze fresche al centrocampo. Al 68’ l’inarrestabile Pacelli ruba l’ennesimo pallone al nr. 8 che d’istinto gli rifila una brutta gomitata in faccia facendolo scaraventare in terra. Scoppia il solito parapiglia gestito così così dall’arbitro che prende la decisione più sbagliata: espellere entrambi. Anche la panchina locale ammette l’errore del proprio giocatore e rimane attonita dalla decisione arbitrale. Ora la gara diventa ancora più dura e la battaglia si fa sempre più aspra. La CICRAM arretra il baricentro e l’area di rigore sembra un fortino attaccato dal nemico. Il bravo Modanesi vola da un palo all’altro togliendo dai piedi dell’avversario una ribattuta da pochi metri. Al 70’ dentro Mengoni per Baldini ormai esausto. La Real Gradolese inserisce gente fresca che si posiziona in avanti lasciando in difesa solo due giocatori. Da un’azione concitata la Real Gradolese colpisce un palo clamoroso e poco dopo un intervento risolutivo di Marcucci scaccia via un serio pericolo. Al 80’ fuori Lacatus infortunato ad un piede e dentro Federici che entra subito in partita e cerca di verticalizzare su Olaru le palle che riceve. Cercola si posiziona davanti alla difesa cercando di aiutare capitan Aramini che lotta come non mai su ogni palla. Al 85’ verticalizzazione di Federici per Olaru ma è la pozza di fango a fermarlo. I Locali cercano gli ultimi affondi mentre la CICRAM sostituisce il marcatore della gara Scoppa con Del Toso, rientrante dopo la squalifica. La partita sembra non finire mai. Ma la CICRAM ha ancora la forza di salire e di ribattere. Da una punizione sulla trequarti, capitan Aramini tenta il tiro in porta, la palla non viene agganciata da un difensore locale ed arriva ad Olaru che con una piroetta aggira il suo marcatore e insacca la palla dello 0-2. Goooool. Gioia incontenibile in panchina, quasi lacrime per i Misters. La partita è finita, no ancora no; l’arbitro prima da 5 minuti di recupero e poi ne concede altri tre. La Real Gradolese si rigetta in avanti e va vicino al gol della bandiera con un rasoterra di poco a lato. Nel finale Olaru nel cercare di anticipare il nr. 6 gli rifila un pestone e l’arbitro non può far altro che sventolargli il rosso. La CICRAM in 9 cerca solo la difesa e sembra che l’arbitro si sia inghiottito il fischietto. Al 98’ finalmente arriva il triplice fischio finale ed è festa per la CICRAM Ronciglione.

Che dire, anche per fare il commento ho faticato molto. Una partita che rimarrà nei nostri pensieri a lungo, non perché abbiamo battuto la capolista ma per come è venuta e per come eravamo rimaneggiati. Che dire di Modanesi che sembra Buffon e da lontano incita tutti a combattere. Che dire di Di Mattia, criticato precedentemente, esiliato per una gara, ma al suo rientro accetta la sfida e la vince alla grande. Che dire di Pacelli lottatore e paraculo. Che dire di D’ambrosio che oltre ai tordi ieri ha pescato anche delle trote da fare al forno. Che dire di Aramini, capitano vero, il cammello che diventa cavallo purosangue e schernisce la squadra locale. Che dire di Zlatan Marcucci, una sopresa, una roccia, che con la sua timidezza impaurisce l’avversario. Che dire di Lacatus, motorino inesauribile e insostituibile. Che dire di Baldini che nella ripresa ne vede 2 di nr.7 al quale però non gliela fa vedere mai. Che dire di Mattei che chiacchiera anche da solo ma è forte. Che dire di Scoppa che ci porta in vantaggio ed è grande. Che dire di Cercola che piano piano sta diventando un punto fermo. Che dire Mengoni che entra a freddo gli si congelano i piedi ma lui sul pezzo ci sta sempre. Che dire di Ercoli che dopo 4 punti e setto nasale rotto è ancora lì sotto l’acqua ad incoraggiare. Che dire di Del Toso che sa sempre quello che deve fare. Che dire di Clementi esempio per tutti. Che dire di Fabio “The costolet” che con le sue finte per poco inganna anche la pozzanghera. Che dire di Emanuele Musetti che finalmente a 16 anni lo portiamo con noi. Che dire di Soviero che vuol giocare anche con il polso fratturato e non se ne frega niente di niente. Che dire di Olaru, grandissimo, emblema dello spirito CICRAM. Che dire dei Misters, entrambi con l’ombrello e fantastici nell’acchittare la partita. Che dire di Antonio Clementi che sbandiera anche la gomitata di Pacelli. Infine Che dire di chi non è voluto venire: sti cazzi!

Alla fine un solo grido si sente urlare:Paga la cena Presidente paga la cena…..

Avanti così! E’ solo l’inizio….

Il Matchultima modifica: 2010-11-21T12:28:16+01:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

15 pensieri su “Il Match

  1. è chiaro che la vittoria cosi come è venuta è la cosa piu’ importante,queelo che per me conta è la gente che si è sacrificata con la pioggia km sul groppone modanesi che va in porta,e tutto il resto naturalmente io e brandelli dopo un colloquio telefonico non le manderemo a dire a chi si è negato inventandosi scuse cretine x non venire,a questi dico di stare tranquilli che c’è tanta gente valida attacata alla maglia che sa i grandi sacrifici nostri e dei misters nel gestire e portare avanti la baracca,basti pensare chi è entratato a far parte della famiglia soviero poco piu’ di 20 anni e addirittura si era proposto con me di giocare con un braccio solo….qui chiudo avanti tutta che a dicembre avremo altri giocatori a disposizione…..

  2. Prima di tutto volevo dire grazie a tutti per avermi accettato in questa fantastica società.
    La gioia che ho provato nel vincere sabato era da tanto tempo che non la provavo.Siete e siamo un gruppo fantastico e questo è lo spirito giusto per andare avanti e per puntare a grande traguardi.

    Voglio chiedere scusa a tutti se più volte esagero nel chiaccherare ma non lo faccio per cattiveria lo faccio perchè sento le partite, perchè credo in questa e squadra ma soprattutto perchè sono cosi e chi mi conosce sa che non ce l ho con nessuno.
    Infine volevo fare i COMPLIMENTI a flavio per l’ ottima partita effettuata, sei stato un grande e hai trascinato la difesa per tutta partita.
    Ci vediamo agli allenamenti e grazie di nuovo a tutti

    L’ultima c

  3. visto che venerdi c’è l’addio al celibato del bomber,io il presidente quello vero ho deciso di pagarvi la cena il 3 dicembre presso la sede di suor mariangela,perche’ ve lo meritate tutto per quello che state facendo anche davanti alle difficolta’ siete sempre presenti,e questo è giusto riconoscerlo….

  4. Leggo solo ora , per problemi internet, i complimenti di Manuel, Grazie di cuore, mi fanno molto piacere. Comunque si vince in 11, anzi un plausa enorme a chi è subentrato a partita in corso perchè in quella bolgia era difficilissimo entrare subito a mille. Bravi tutti

Lascia un commento