Il Match

FICG – 3^cat. girone A

22^ Giornata 31/03/2012

 

EUFORIA CICRAM!

Batte 4-1 l’Accordia con una prova convincente. Olaru straripante con una doppietta.

 

Formazione Cicram: Chiavaioli, Pacelli, Cristofori (35’ Venci), Lacatus, Rinchiusi, Andreoli, Sangiorgi (75’ Aramini), Mattei(70’ Samà),  Cercola, Di Stefano (60’ Tanturli), Olaru (80’ Marcucci). A disp.: Soviero, Clementi, All. Di Stefano. 

 

Marcatori: 12’ Aut. Lacatus (Accordia), 35’ Olaru, 55’ Di Stefano, 70’ Sangiorgi, 75’ Olaru.

 

Bella vittoria della capolista che batte un buon Accordia venuto al Comunale di Ronciglione senza tanti tatticismi a cercare di fare una partita, magari vincendo come all’andata. Ma la CICRAM di questo periodo è di un’altra categoria capace di realizzare una quaterna in dieci uomini per l’ennesima espulsione per parola blasfema. Anche in questo caso la sente solo l’arbitro e caccia via Venci al 66’ con i locali in vantaggio 2-1. Ma l’inferiorità numerica non ha inciso sulle ambizioni CICRAM, anzi ha caricato gli uomini di Mister Di Stefano e del Presidente Piermattei, che dopo l’espulsione hanno creato due palle gol clamorose e segnato due reti andando a legittimare il primo posto assoluto, la quarta vittoria consecutiva, la 15^ in campionato su 20 gare disputate. Numeri da capogiro e primato meritato per quello che stanno facendo a Ronciglione, dopo che l’inizio del girone di ritorno aveva visto sotto forma molti dei rossoblù per i motivi che tutti sappiamo. La CICRAM di oggi è una squadra vera, atleticamente preparata, forte tecnicamente e prepotente al punto giusto, da poter far sognare società e ambiente. Eppure la partita non è iniziata bene i primi in classifica visto che al 12’ da una punizione forte ma rasoterra del capitano dell’Accordia, è stata deviata da Lacatus ed inganna Chiavaioli. 0-1. Dopo i primi minuti di nervosismo, Di Stefano riesce a dare una maggiore quadratura alla sua squadra facendo avanzare il baricentro con il suo inserimento in attacco e arretrando Mattei a centrocampo. Già Olaru in apertura aveva dato i segnali di essere in giornata, ma al 15’ un suo gran destro viene deviato sopra la traversa dal portiere ospite. Al 25’ da calcio di punizione dalla destra, Mattei mette in area una palla che coglie in pieno la traversa. Il gol del pareggio è maturo ed arriva al 35’, quando da un punizione sulla destra di Sangiorgi, Olaru anticipa tutti e insacca di punta. 1-1. La CICRAM cerca il forcing ma non arriva il gol del vantaggio e si va al riposo sul pareggio. La ripresa inizia con una sola squadra in campo: CICRAM. Schiaccia l’Accordia nella propria metà campo e non la fa mai uscire. Venci, sull’out di sinistra, subentrato nel primo tempo a Cristofori per infortunio, e Pacelli, sull’out di destra, hanno delle praterie davanti e mettono in mostra il loro stato di grazia. Ma a portare in vantaggio la compagine locale è mister/giocatore Di Stefano che sfrutta al meglio il lungo lancio su calcio di punizione di Sangiorgi sul secondo palo. La difesa avversaria si scorda il bomber rossoblù e come un rapace insacca di testa portando la sua squadra in vantaggio. 2-1. CICRAM tambureggiante, avversari che stanno a guardare. Lacatus man mano che passano i minuti diventa il re supremo del centrocampo ed è lui a dare il là a tutte le azioni locali. Al 66’ il direttore di gara sfodera un cartellino rosso a Venci. Tutti increduli compreso il giocatore colpito, ma l’arbitro decide così per aver udito una parola blasfema. CICRAM in dieci. Ma invece di dare ardore all’Accordia, l’inferiorità numerica dà carica ai ronciglionesi che con Olaru e Tanturli, quest’ultimo subentrato a Di Stefano, cercano di  scardinare la retroguardia avversaria. Al 70’ clamoroso gol fallito per la CICRAM quando Olaru lanciato a rete potrebbe facilmente realizzare il terzo gol ma decide di far gioire Tanturli. Il passaggio è troppo corto e viene intercettato dal portiere. Subito dopo ancora lancio per Tanturli da solo davanti al portiere ma gira di testa un tiro che si spegne tra le braccia dell’estremo difensore. La CICRAM non demorde e da una punizione dal limite, Sangiorgi trova l’angolino basso realizzando il 3-1. Al 75’ ancora CICRAM e ancora gol. Lancio lungo dalla difesa che scavalca l’intera difesa dell’Accordia, ci crede solo Olaru che rincorre il pallone, il portiere non esce, e con un tocco morbido mette il sigillo del 4-1. L’Accordia nel finale cerca di raddrizzare la situazione ma non riesce a pungere e la partita finisce con il punteggio di 4-1 per la capolista.

Grande prova di maturità dei ronciglionesi che confermano il buon momento. Nonostante la vittoria dell’Oriolo per 2-0 sul Tarkna, la CICRAM mantiene la vetta con 1 punto di vantaggio. 8 partite da qui al termine tutte determinanti. Chi meno sbaglierà vincerà. La CICRAM è consapevole come non mai dei suoi mezzi e adesso ci crede più di prima.

Il Matchultima modifica: 2012-04-01T15:37:07+02:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento