Le pagelle.

Pagelle CICRAM.

A cura di Cesare Marcucci. 

CHIAVAIOLI 6: spettatore non pagante per tutta la partita, viene fulminato da un lampo improvviso del numero 7 avversario. SFORTUNATO.
VENCI 6,5: attento in fase difensiva a stringere la marcatura sul numero 11 avversario che gravita dalle sue parti e spesso propositivo in fase offensiva. Bene anche sui calci da fermo. PENDOLINO.
RINCHIUSI 7: dirige la difesa in maniera magistrale, dall’alto della sua esperienza e della sua classe, dando grande sicurezza a tutto il reparto. L’azione del Cicram parte sempre dai suoi piedi. MAESTRO FERNANDO.
MARCUCCI 7: Il perticone rossoblù fa sentire la sua fisicità e non la fa mai prendere al suo avversario. E’ migliorato come nessuna altro, merita il posto da titolare perché lui guarda, apprende e mette in pratica. Vorrebbe chiamarsi Andrè ma lui è The Rock!
ROTELLI 6,5: dalla sua parte gioca uno degli avversari più pericolosi. Con le buone o con le cattive riesce sempre ad arginare le sue sfuriate, dalla sua parte non si passa facilmente. DIGA.
PACELLI 8: sarebbe un 7,5 pieno, ma c’è uno 0,5 in più per il gol e per il giocatore ritrovato dell’anno scorso. Lotta, corre, sgomita, s’arrabbia. In poche parole il vecchio Pacio. BENTORNATO GLADIATORE.
CERCOLA 6,5: grande prestazione difensiva. Sempre pronto ad aiutare il reparto arretrato raddoppiando la marcatura quando serve. Sulle palle alte non ce n’è per nessuno, sui rinvii del portiere sembra un gigante in una scuola elementare. PADRONE.
LACATUS 6,5: fa tutto lavoro sporco, per questo non risulta appariscente. La disinvoltura con la quale da una mano a tutti è impressionante. Se serve a destra corre a destra, se serve a sinistra, corre a sinistra, va a mordere le caviglie anche agli spettatori se glielo chiedi. UOMO OVUNQUE.
SCOPPA 6,5: cerca spesso la giocata, il colpo a effetto, ma non sempre con la giusta cattiveria agonistica. Se si rende conto dei mezzi tecnici che ha e decide di metterli al servizio della squadra, diventa fondamentale, come nell’occasione dell’assist a Pacelli. ZARATE.
OLARU 7,5: ventesimo gol in stagione, trascinatore assoluto del Cicram in vetta alla classifica a suon di gol. Arriva si tutti i palloni, anche quali che per noi comuni mortali sono irraggiungibili pure col pensiero. FONDAMENTALE.
DI STEFANO 7: cerca il gol da tutte le posizioni e in tutti i modi, oggi sembra non essere giornata, un po’ per la sfortuna e un po’ per il portiere avversario che ci mette del suo. Ha il merito di aver costruito una squadra trasmettendogli la sua grinta e il suo carattere. Una squadra che non molla un centimetro fino all’ultimo minuto e per lui sputa sangue. MOURINHO DE NOANTRI.
BALDINI 6,5: Rotelli o Baldini, il risultato non cambia: il 10 non la prende mai, ma mai mai. Elegante ed esperto come al solito, il suo contributo per il Cicram è determinante in campo come fuori. BANDIERA.
CRISTOFORI 6,5: entra in campo negli ultimi minuti per l’acciaccato Marcucci e il 9 respira. Respira giusto il tempo del cambio, perché come nel cambio Rotelli-Baldini, anche qui il risultato è lo stesso: il 9 non la prendeva prima e non la prende nemmeno dopo. MURO.
ARAMINI 7: il giocatore più anziano del Cicram. Nonostante tutto, dice sempre la sua. E la dice bene. Per molti versi ricorda Pirlo. Quando sei in difficoltà, darla ad Aramini è come metterla in banca. Si mette li in mezzo e fa girare la squadra come solo uno della sua classe sa fare. Straordinario il lancio che manda in porta Di Stefano per il definitivo 3-1. FARO.
SAMA’ 6,5: entra con il piglio giusto, si vede che vuole dare una mano. Viene fermato in posizione ampiamente regolare mentre si involava verso la porta. Sarebbe stato un gol assolutamente meritato per l’impegno che mette negli allenamenti e ogni volta che viene chiamato in causa. NON MOLLARE.
MATTEI 6,5: il cammellaccio ronciglionese entra nel finale, ma anche lui, come tutti i subentrati, non fa rimpiangere il titolare. Tanta sostanza là davanti, sfiora anche l’eurogol, con il quale la pagella sarebbe stata almeno di un voto più alto. TIRATORE.

Le pagelle.ultima modifica: 2012-04-29T12:24:28+02:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento